Home » Italian » Segni & Sintomi » 10 sintomi di celiachia: ne soffrite?

10 sintomi di celiachia: ne soffrite?

Segni & Sintomi

La malattia celiaca, nota anche come celiachia, è un disturbo autoimmunitario che colpisce circa 1 americano su 100. La malattia è causata dall’intolleranza al glutine. La gliadina, una proteina presente nel grano, provoca nelle persone affette una reazione del sistema immunitario contro il tessuto intestinale. Tale reazione causa l’atrofia dei villi, ovvero il danneggiamento dei villi che rivestono l’intestino tenue e che sono responsabili dell’assorbimento delle sostanze nutritive. Altri cereali, come orzo e segale, hanno proteine simili che possono causare reazioni analoghe negli individui sensibili.

La celiachia può causare danni irreversibili. Il problema sembra essere di origine genetica e può trasmettersi di generazione in generazione. Il test per la celiachia viene effettuato tramite l’analisi del sangue e l’endoscopia. È importante per la persona affetta continuare a mangiare glutine in preparazione del test per la celiachia. Infatti, se venisse eliminato il glutine dalla dieta, il corpo ritornerebbe in buono stato e il test potrebbe dare risultato negativo.

La celiachia può causare molti problemi. Quelli più rilevanti sono dovuti alla scorretta assimilazione delle sostanze nutritive da cui possono derivare osteoporosi, anemia e ritardi nella crescita dei bambini. Coloro che soffrono di celiachia hanno anche maggiori probabilità rispetto al resto della popolazione di sviluppare linfonomi non-Hodgkin. Il modo migliore per proteggersi, e ridurre al minimo il rischio, consiste nella diagnosi precoce e in una dieta rigorosa.

Ecco 10 sintomi della malattia celiaca. Se soffrite di uno di questi sintomi o pensate di essere a rischio di celiachia, contattate il vostro medico per il test.

1. Nessun sintomo

Sfortunatamente, molte persone che soffrono di celiachia non hanno sintomi. Ciò è molto pericoloso in quanto, anche in assenza di sintomi, può verificarsi il danno intestinale. Grazie alle nuove tecniche di screening vengono effettuate diagnosi anche se le persone non hanno mai avuto il sospetto di avere la malattia. Per chi ha avuto una diagnosi positiva ma non ha sintomi è fondamentale mantenere una corretta alimentazione, in quanto sussiste comunque il rischio di gravi complicanze, come il cancro, a cui può portare la malattia.

Next »
ADVERTISEMENT

More on ActiveBeat