Medicina IT

8 Cose da Chiedere al Tuo Medico Durante il Check-Up Annuale.

Anche il medico migliore non può risolvere i tuoi dubbi sulla salute se non fai le domande giuste. Quindi, se fai regolarmente dei check-up annuali, cerca di trarre il massimo dalla quantità limitata di tempo che passi nello studio del medico, facendo le seguenti domande. Non solo ti aiuteranno a capire meglio la tua salute, ti permetteranno anche di prendere il controllo del tuo benessere.

Ecco le otto domande da fare al tuo medico al prossimo check-up…

1. Il mio peso è entro i limiti salutari?

Sei asciutta come una top model o in abbondante sovrappeso? Come la maggior parte delle persone probabilmente ti trovi in qualche punto nel mezzo tra questi due estremi, ma potresti non avere le conoscenze mediche necessarie per capire se il tuo peso è davvero quello giusto. Ecco perché è bene che parli del tuo peso corporeo col medico. Chiedi qual è il peso ideale per un corpo come il tuo e ridurrai il rischio di malattie come il diabete, le malattie cardiovascolari e il cancro.

2. Vanno ancora bene i medicinali che prendo?

I nostri corpi cambiano nel corso del tempo e questo significa che possono essere necessari alcuni aggiustamenti per mantenersi in buona salute. Nessuno vuole sprecare soldi in medicinali che non portano alcun vantaggio. Quindi, assicurati di discutere col tuo medico dei medicinali soggetti a prescrizione che assumi e dei dosaggi, ma anche dei medicinali da banco che usi regolarmente, per assicurarti di essere ancora sulla strada giusta.

3. Considerando la mia età e il mio sesso, mi consiglierebbe degli screening annuali?

Molti screening annuali per uomini e donne iniziano quando viene raggiunta una determinata età, e possono cominciare anche prima a seconda della storia medica per problemi come il cancro al seno, il cancro al colon, il diabete, ecc. Quindi, chiedi al tuo medico se devi cominciare a eseguire un pap-test, una mammografia o una colonscopia annuali.

4. Considerando la mia storia familiare, sono a rischio di particolari malattie?

So che il tuo medico ha fatto un controllo della tua storia familiare quando sei diventato suo paziente, ma i membri della famiglia da quel momento in poi si saranno ammalati nuovamente. Aggiornare il tuo medico sulla storia familiare è una cosa saggia da fare, riportando ogni nuova malattia che viene diagnosticata in famiglia ogni anno e cercando le informazioni giuste per riconoscerla precocemente.

5. Chiedi le cose di cui preferiresti non parlare…

Tutti hanno un problema di salute di cui non vogliono parlare. Potrebbe trattarsi di incontinenza, disfunzioni erettili, problemi di lubrificazione vaginale, desiderio sessuale, menopausa o problemi intestinali. Qualunque sia il problema, fidati, non è nulla che il tuo medico non abbia già sentito centinaia di volte. Quindi, metti tutti i tuoi problemi sul tavolo il prima possibile. Potresti sentirti sollevato dopo averlo fatto e avere l’impressione di controllare meglio la tua salute.

6. Il mio stile di vita mi mette a rischio di malattie a trasmissione sessuale, dovrei fare dei test?

Purtroppo molte persone portatrici di MST non hanno sintomi e diffondono le malattie senza nemmeno saperlo. Se pensi che potresti essere stata esposta a herpes, verruche genitali, sifilide, HIV, HPV, o altre malattie, chiedi di eseguire un test durante i controlli annuali così da poter iniziare le cure precocemente e prevenire ulteriori problemi di salute dovuti alla mancata diagnosi di una MST.

7. Dormire poco crea problemi alla mia salute?

La mancanza di sonno può esacerbare problemi di salute preesistenti. Ad esempio, contribuisce al diabete, all’obesità, all’alta pressione sanguigna e alle malattie cardiovascolari. Se non riesci a dormire 7-8 ore a notte, ti stai mettendo a rischio di malattie indotte dallo stress, di depressione, e molto altro ancora. Quindi, tieni un diario del sonno se hai problemi a dormire e portalo con te quando vai dal medico.

8. La mia pressione sanguigna è entro limiti salutari?

Le malattie cardiovascolari, le disfunzioni renali e gli ictus, soprattutto per le donne, iniziano con un aumento della pressione sanguigna. Ecco perché un controllo annuale col tuo medico (e l’auto-misurazione della pressione nel resto dell’anno) può servire a stabilire se è necessario cambiare i medicinali o il proprio stile di vita per migliorare la circolazione sanguigna.

Share This Article

X