sistema epatico IT

Steatosi epatica o malattia del fegato grasso: 10 sintomi comuni

Avere il fegato grasso non è di per sé dannoso per il corpo. Tuttavia, l’eccessivo accumulo di tessuto adiposo può creare gravi danni al fegato tra cui infiammazioni e cirrosi.

Il fegato grasso è causato dall’assunzione di calorie e grassi in quantità superiore alle capacità di elaborazione del fegato stesso. Il risultato è un accumulo di grassi semplici nelle cellule epatiche che mette a repentaglio la salute del fegato. La causa più comune di steatosi epatica è l’obesità: le persone obese hanno circa il 75% di possibilità in più di sviluppare questa patologia. Sebbene una dieta ricca di grassi e il peso in eccesso siano i principali colpevoli, anche chi soffre di diabete (o insulino-resistenza), iperlipidemia (livelli elevati di lipidi nel sangue) e abuso di alcool (dal 90 fino al 100% dei bevitori abituali sviluppa steatosi epatica) ha un rischio maggiore di contrarre questa malattia.

Ecco dieci dei sintomi più comuni di steatosi epatica…

1. Stanchezza

Quando un organo come il fegato smette di funzionare in modo normale l’organismo cerca di proteggersi e di compensare facendo fluire più sangue verso l’organo. Questo provoca spesso una stanchezza inspiegabile, confusione, capacità alterata di giudizio o difficoltà di concentrazione, calo di energia e un’improvvisa incapacità di partecipare alle consuete attività sociali.

2. Obesità

Il peso in eccesso aumenta di circa il 75% il rischio di sviluppare la steatosi epatica. Le persone più soggette a questa patologia sono gli individui di mezza età, per cui coloro che hanno superato i 40 anni e sono sovrappeso farebbero meglio ad adottare una dieta più sana e a fare attività fisica in modo regolare per perdere il grasso in eccesso.

3. Genetica

L’ereditarietà è spesso fondamentale rispetto a questo genere di problemi di salute. Se, ad esempio, un genitore o un nonno ha sofferto di qualche patologia del fegato, i figli e nipoti avranno più probabilità di sviluppare a loro volta lo stesso problema. Nel caso delle malattie epatiche, la persona può essere soggetta a obesità o alcolismo o avere, fin dalla nascita, dei bassi livelli di enzimi epatici, coinvolti nel metabolismo dei grassi e dell’alcool.

4. Itterizia

L’ittero, una patologia che si manifesta con l’ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi o sclera, è un sintomo tipico delle malattie epatiche. L’ittero è causato dal blocco del flusso della bile dal fegato e provoca piccole escrescenze giallastre e pruriginose intorno alle palpebre e sulla superficie della pelle.

5. Colore dell’urina

Spesso quando insorge l’ittero (colorazione giallastra della pelle e del bianco degli occhi) si manifesta anche un cambiamento nel colore delle urine che appariranno più scure. Anche durante la defecazione si possono notare dei cambiamenti: le feci diventano biancastre o color argilla ed emettono un odore davvero nauseante.

6. Cambiamenti cutanei

Oltre ai cambiamenti della pelle dovuti all’ittero, quando si arriva all’insufficienza epatica possono comparire macchie sulla pelle e chiazze sul collo (a causa del rigonfiamento delle ghiandole). Ulteriori alterazioni cutanee possono essere costituite da capillari rotti sul viso o da vene a ragno sul petto, sulla schiena e sulle spalle. Anche le mani possono accusare sintomi e presentare palmi arrossati e letti ungueali che diventano bianchi quando si allargano le dita.

7. Dolore addominale

Il dolore addominale può indicare la presenza di malattie epatiche o di un’insufficienza epatica. Il disagio di solito viene avvertito nella zona centrale o nella parte superiore destra dell’addome e può indicare anche la presenza di un’emorragia interna. Se i vasi sanguigni all’interno del tratto gastrointestinale si infiammano e si rompono può manifestarsi vomito con macchie di sangue. In questo caso è possibile che vi siano tracce di sangue anche nelle feci.

8. Nessun sintomo

La steatosi epatica è un killer silenzioso perché spesso è asintomatica, soprattutto nelle fasi iniziali. Se però la malattia progredisce indisturbata per anni senza sintomi o complicazioni varie, i grassi si accumulano fino a infiammare il fegato e a cicatrizzare sulla superficie dell’organo. La steatosi epatica non trattata porta pertanto all’insufficienza epatica.

9. Addome gonfio

L’addome gonfio, patologia anche conosciuta come ascite, è causata dalla ritenzione di liquidi nell’addome e nel fegato ed è un sintomo tipico nelle fasi iniziali di una grave malattia del fegato. L’ascite fa gonfiare l’addome , il quale si indurisce fino al punto che la ritenzione dei liquidi sembra spingere l’ombellico all’infuori. Può anche causare difficoltà di respirazione a causa della forte pressione esercitata sugli organi interni.

10. Distrofia muscolare

Le persone con malattie del fegato allo stadio avanzato spesso sviluppano distrofia muscolare o un’altra patologia correlata chiamata malattia di Dupuytren, in cui i tendini delle mani si ritirano, le dita si flettono e i muscoli iniziano a tremare (tremolio incontrollato).

Share This Article

X