Nutrizione IT

8 Trucchi dell’Industria del Fast Food

Se non credi che i tuoi occhi possano essere più affamati di te quando hanno davanti del cibo spazzatura, prova a passare una serata davanti alla TV senza nemmeno toccare un cheeseburger doppio con pancetta e patatine o un barattolo di gelato.

In realtà quasi ogni pubblicità è studiata per tentarti con immagini desiderabili – a dispetto delle dannose conseguenze. All’industria dei fast food non importa che tu abbia l’energia necessaria per andare in palestra. E usa queste otto astute strategie per indurti a mangiare oltre il necessario e a desiderare cibi grassi, unti, dolci e lavorati industrialmente…

1. Gratificazione Istantanea

L’industria del fast food è costruita sulla praticità e sulla gratificazione istantanea. Si tratta del tipo di cibo che cerchi quando sei molto affamato, triste o troppo stanco per cucinare un pasto sano a casa. Proprio per questo è così difficile ignorare i fast food, anche quelli in cui puoi comprare il cibo stando in auto, che ti salutano dalla strada e ti fanno pensare che risparmierai tempo dopo una giornata di duro lavoro o quando hai una pausa pranzo di soli 10 minuti.

2. Offerte, Offerte e ancora Offerte!

Oltre a risparmiare tempo prezioso, l’industria del fast food e le sue offerte ruotano attorno alla convinzione che risparmierai anche soldi. Pensa a quanto sia facile giustificarsi per aver mangiato pizza tutta la settimana se hai dei coupon che ti danno una pizza gratis per ogni pizza che acquisti. Il risparmio è sufficiente a farti dimenticare il fatto che potresti mangiare un pasto più sano.

3. Doppio Colpo ai Tuoi Sensi

Certo, può essere facile resistere alla vista del banco dei prodotti da forno pieno di cupcake, ma appena senti l’odore di questi dolcetti ricoperti di glassa al cioccolato, ti viene l’acquolina in bocca. Non vergognarti, non sei il solo, e l’industria del fast food sa bene quali siano le tue debolezze quando sceglie di tentare in un sol colpo vista e olfatto.

4. Distorsione delle Porzioni

Quando mangi le patatine è raro che ne mangi una sola, o che ti fermi dopo una manciata. Patatine fritte, patatine in sacchetto, cornetti al formaggio e tutti gli altri snack sul mercato possono anche vantare “solo 150 calorie per porzione”, ma pensa a quanto è raro che mangi solo una ciotolina di gelato, un biscotto, 15 patatine o 25 pretzel per volta. Realisticamente, siamo spinti a mangiare tutta la confezione prima di accorgerci di aver esagerato.

5. Senza Grassi

Solo perché uno snack si dichiara “light” o “senza grassi” non significa che sia salutare. Pensa a tutte le bibite “senza zucchero” o “light” che, forse, non contengono zucchero, ma probabilmente compensano con aspartame e altri ingredienti chimici tossici. Spesso un prodotto light non è senza grassi – è semplicemente senza principi nutritivi di qualunque tipo.

6. Senza Glutine

Con tutte le diete “senza glutine” che affermano di farti dimagrire miracolosamente, era solo questione di tempo prima che l’industria dei cibi confezionati mettesse la dicitura “senza glutine” sulle confezioni per far sì che i consumatori associassero il loro prodotto all’idea di un cibo “salutare” o “dietetico”. In realtà non tutti i prodotti senza glutine sono sani (proprio come accade per quelli light). Spesso i prodotti senza glutine sono ricchi di zuccheri raffinati, amido di mais, fecola di patate e altri additivi che possono causare un picco glicemico e che inevitabilmente inducono a mangiare troppo.

7. Buttare Via i Cibi Sani

L’industria dei cibi confezionati è subdola. Se non ci credi, pensa a cosa è stato fatto a tutta una serie di cibi sani – come i fiocchi d’avena. Una ciotola di fiocchi d’avena è una colazione abbastanza sana. Se, però, ci aggiungi cose come zuccheri raffinati e gocce di cioccolato, improvvisamente quella stessa ciotola di fiocchi d’avena si riempie di spazzatura. Lo stesso vale per altri cibi e bevande salutari come lo yogurt, i frullati di frutta, il muesli e le barrette di cereali.

8. Slogan Paraocchi

Vai al supermercato ed esamina attentamente le corsie. Non ci metterai molto a trovare un prodotto con la dicitura “senza grassi idrogenati” sul pacchetto. Certi grandi produttori di snack producono patatine che sono davvero povere di grassi idrogenati. Tuttavia, l’industria del cibo è ben conscia del fatto che la maggior parte dei nordamericani sa molto poco di principi nutritivi e prevede che ti concentrerai sul fatto che il prodotto sia “senza grassi idrogenati” e ignorerai tutto il resto. Io la chiamo la strategia dello slogan paraocchi, perché leggere lo slogan che indica che quelle patatine non contengono grassi idrogenati ti impedirà di vedere che sono pur sempre ricche di sodio, calorie, additivi, e altri ingredienti dannosi per la tua salute.

Share This Article

X