Nutrizione IT

8 Miti Sulla Nutrizione da Sfatare una Volta per Tutte

Parlando di errori, secondo i nutrizionisti e i professionisti della salute questi sono gli 8 miti più diffusi, ingannevoli e addirittura pericolosi.

Questi 8 miti riguardanti la nutrizione e il benessere non hanno alcuna base scientifica e i nostri esperti possono dimostrarlo. Quindi, prima di credere a queste leggende a occhi chiusi e modificare la tua vita quotidiana di conseguenza, scopri perché invece servono solo a smettere di perdere peso e a evitare strade più faticose ma più efficaci per restare sani…

Mito N.1 I Cibi a Calorie Negative

Un uccellino ti ha detto che sgranocchiare sedano o insalata iceberg ti fa bruciare più calorie durante la digestione di quelle che le verdure ti forniscono – ma ci credi davvero?

La leggenda urbana dei cosiddetti “cibi a calorie negative” è basata su un effetto scientificamente provato, noto come “termogenesi indotta dalla dieta”, che coinvolge una percentuale che varia tra il 10% e il 20% dell’energia utilizzata dal corpo per digerire il cibo. Questo significa che anche nel migliore dei casi si possono bruciare in questo modo al massimo il 20% delle calorie derivate dal cibo che si mangia. L’idea che digerire il cibo richieda più calorie di quelle che il cibo fornisce è semplicemente illogica.

Mito N.2 Il Grasso si Trasforma in Muscoli, i Muscoli si Trasformano in Grasso

Considerando il fatto che il grasso e i muscoli sono costituiti da tessuti di tipo completamente diverso, il tuo personal trainer non dev’essere molto informato se ti dice che con un’altra serie di esercizi trasformerai i tuoi rotolini di grasso in muscoli turgidi. Molti temono che se smettono di allenarsi per via di un infortunio tutti i muscoli che hanno messo su si trasformeranno in ciccia.

La verità è un’altra secondo la Dottoressa Mary Jane Johnson, fisiologa e portavoce dell’American Council on Exercise: i muscoli non possono trasformarsi in grasso né può accadere l’opposto… a meno che si creda che Tremotino filasse davvero la paglia in oro. Tuttavia la dottoressa fa notare che smettendo di allenarsi la massa muscolare può diminuire, e lo stesso vale se si mangiano più calorie del normale senza fare attività fisica—il tessuto grasso può aumentare. La dottoressa Johnson ci lascia con una notizia meravigliosa sul corpo: più massa muscolare magra hai—più velocemente bruci i grassi.

Mito N.3 Disintossicarsi=Ripulirsi con i Fluidi

La modella Naomi Campbell e la pop star Beyoncé avrebbero entrambe seguito una dieta che prevedeva di bere 600 calorie al giorno sotto forma di acqua e limone con sciroppo d’acero e pepe di cayenna, seguendo le indicazioni di un “guru del fitness” per perdere chili. Non c’è da meravigliarsi che così tanti nordamericani siano convinti che una pulizia del corpo a base di liquidi come il Master Cleanse sia l’unico modo di disintossicare l’organismo e perdere peso. L’idea che sta dietro a un liquido disintossicante è la necessità di concedere una pausa al proprio tratto intestinale dal cibo solido utilizzando i liquidi per ripulirlo da scorie e tossine e per accelerare il metabolismo.

Ma la cardiologa Isadore Rosenfield, dottoressa in Medicina Clinica al Weill Cornell Meidcal College di New York, afferma che le diete basate sulle privazioni sono soltanto una forma di inedia che non farà altro che renderti irritabile, affamata ed esausta. Per disintossicarti puoi usare una dieta di eliminazione—in cui limiti i cibi confezionati, la caffeina, l’alcool e gli zuccheri raffinati per aumentare il consumo di cibi integrali (come frutta e verdura fresca).

Mito N.4 Ci Vogliono 21 Giorni per Superare le Cattive Abitudini e Prendere Buone Abitudini

La cosa strana dell’essere umano è che siamo tutti individui con diverse preferenze, più o meno determinati e prevedibili. Ecco perché non è una sorpresa che una ricerca del 2012 intitolata “Come si Formano le Abitudini: un Modello della Formazione delle Abitudini nel Mondo Reale” pubblicata sulla Rivista Europea di Psicologia Sociale, abbia scoperto che non c’è un periodo di tempo miracoloso entro il quale prendiamo buone abitudini o perdiamo quelle cattive.

I diversi studi suggeriscono che ogni individuo affronta una sfida, stabilisce nuove routine e resiste alle tentazioni in maniera diversa, quindi il tempo impiegato per cambiare abitudini è diverso da individuo a individuo e non c’è alcun periodo magico adatto per tutti da applicare per cambiare abitudini.

Mito N.5 Mangia Pasti Piccoli e Frequenti per Accelerare il Metabolismo

Abbiamo sentito dire tutti che invece di mangiare 3 pasti al giorno dovremmo mangiarne 5 o 6 più piccoli e più di frequente per riaccendere la fiamma del metabolismo. Ma uno studio pubblicato dal National Institutes of Health ha scoperto che, indipendentemente dal fatto di mangiare due o sei volte al giorno, le calorie bruciate nel complesso sono esattamente le stesse.

Anche se mangiando pasti più piccoli e più frequenti permette di avere livelli di zuccheri nel sangue più equilibrati nel corso della giornata—uno studio pubblicato sull’American Journal of Cancer ha scoperto che mangiando pasti più frequenti può aumentare il rischio di cancro del colon retto. La cosa ha perfettamente senso se si considera il fatto che con ogni pasto la cistifellea rilascia bile per aiutare la digestione, esponendo l’intestino agli acidi biliari più di frequente.

Mito N.6 Il Tuorlo d’Uovo fa Aumentare il Colesterolo

Il colesterolo è stato stampato a chiare lettere su di un’enorme bandiera rossa dalle ultime tendenze nel campo della salute, e in questo modo le uova (con i tuorli) sono diventate il possibile colpevole di un maggior rischio di infarto, ictus e malattie cardiovascolari. Ma anche se i tuorli d’uovo contengono molto colesterolo (212 milligrammi in un solo uovo, pari a oltre la metà della dose giornaliera raccomandata) secondo l’American Heart Association le uova sono comunque uno dei cibi più nutrienti del pianeta. Un solo uovo contiene grassi salutari, proteine, vitamine B12, B2, B6 e B5, folacina, vitamina A, selenio, vitamina D, vitamina E, vitamina C, vitamina K, zinco, calcio e fosforo, e bisogna ammettere che è veramente incredibile!

Non solo: i tuorli d’uovo contengono il colesterolo”buono” (cioè il colesterolo ad alta densità, l’HDL) che influenza molto poco il colesterolo nel sangue e il rischio di malattie cardiache (a meno che tu soffra di diabete o il tuo medico ti dica altrimenti).

Mito N.7 Il Caffè Fa Male

Mi sono sentita sollevata quando finalmente ho scoperto la verità dietro a questo mito—sinceramente, nessuno può mettersi tra me e la mia tazza di caffè al mattino. Nonostante il caffè sia ricco di caffeina, una tazzina apporta anche molti benefici per la salute. Innanzitutto il caffè è una ricca fonte di antiossidanti anti-cancro per chi vive in Nord America, secondo uno studio del 2004 pubblicato dalla Società Americana di Scienze della Nutrizione.

E se questo non è abbastanza, una ricerca del 2012 pubblicata sulla Rivista di Medicina del New England ha scoperto che bere caffè regolarmente riduce il rischio di Alzheimer e di Parkinson, di diabete di tipo 2, e di depressione, quindi questa magica bevanda è legata a una maggiore longevità.

Mito N.8 Sale Marino Sì o No

Nel tuo salino c’è sale rosa dell’Himalaya o sale delle Miniere di Khewra in Pakistan? O cospargi le patate con il caro vecchio cloruro di sodio?

Nonostante le voci contrastanti, tutti i tipi di sale contengono la stessa quantità di sodio (circa 2,3 milligrammi a cucchiaio) anche se alcuni tipi di sale possono contenere anche iodio. Anche se spendendo di più per comprare un sale marino d’eccezione aggiungerai ai tuoi piatti un sapore salmastro—che ti spingerà nel complesso a usare meno sale—nessun tipo di sale contiene minerali in quantità sufficiente a renderlo migliore degli altri. Una ricerca dell’Università di Boston sottolinea il fatto che le carenze di iodio possono mettere a rischio la crescita e il funzionamento del cervello, oltre a far venire il gozzo alle donne incinte: un po’ di sale iodato in tavola una volta ogni tanto non ti farà certo male.

X