Nutrizione IT

8 Buoni Motivi per Dire Sì Al Salmone Selvaggio

I benefici che si possono trarre dall’inserimento del salmone selvaggio nella propria dieta sono molti. Il salmone selvaggio mangia altri pesci (a differenza del salmone di allevamento, che viene spesso nutrito con cibo semplicemente riempitivo o viene curato con antibiotici per poter essere prodotto in massa), e quindi è ricco di acidi grassi essenziali omega3 (i grassi buoni) e proteine, ed è invece povero di grassi saturi (i grassi dannosi).

Ecco otto buoni motivi per mettere il salmone selvaggio nel tuo piatto…

1. Fa Bene alla Vista

Le ricerche del Centro Medico dell’Università del Maryland hanno rivelato che una dieta ricca di acidi grassi omega3 (abbondanti nel salmone) può ridurre il rischio di degenerazione maculare senile – la causa più comune della perdita della vista nelle persone al di sopra dei 50 anni. Gli omega3 hanno anche la capacità di diminuire l’irritazione e la secchezza degli occhi e di alleviare altri problemi legati alla vista.

2. Fa Bene alla Pelle

Se combatti con l’acne, gli arrossamenti, o la pelle rugosa e poco elastica mangiare salmone selvaggio sarà meglio di qualunque costosa crema idratante. I dermatologi di Yale mettono in relazione una dieta ricca di acidi grassi omega3 a una migliore idratazione e a una pelle dall’aspetto più giovane e meno soggetta a problemi. Perché? Perché gli acidi grassi essenziali ricaricano di lipidi la pelle che invecchia: i lipidi sono molecole che mantengono la pelle elastica e flessibile. Le fonti di proteine, come il salmone, migliorano inoltre la produzione di collagene, che fa bene alla pelle.

3. Stabilizza la Pressione Sanguigna

Se hai la pressione alta prova a mangiare salmone ogni settimana per ridurre la pressione sanguigna e prevenire pericolosi picchi. Le ricerche della St.George Medical School di Londra hanno rivelato che il citrato di potassio, come il cloruro di potassio (un elemento contenuto negli integratori raccomandati contro l’ipertensione) funziona bene per prevenire l’ipertensione. Tuttavia il citrato di potassio si trova naturalmente in diversi cibi (come il salmone selvaggio).

4. Potenzia la Memoria

Se vuoi sia bellezza sia intelligenza meglio che mangi il tuo salmone selvaggio, almeno secondo uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition che mette in relazione il consumo di salmone (e i suoi acidi grassi omega3) con il miglioramento della memoria e delle funzionalità cognitive. Lo studio ha monitorato dei ratti con una dieta ricca di olio di pesce e dei ratti con una dieta povera di olio di pesce, scoprendo che più olio di pesce corrispondeva a una migliore memoria e a una maggiore prontezza mentale.

5. Aiuta a Mantenere il Peso Forma

Se hai una battaglia aperta con la bilancia, inserendo nella tua dieta una fonte di grassi salutari, come quelli che si trovano nel salmone, terrai lontani i crampi della fame e sarai sazia più a lungo dopo il pasto grazie al fatto che il salmone viene digerito lentamente. Il salmone selvaggio è anche un’ottima fonte di proteine, di selenio, di niacina, di vitamina B12 e B6, di fosforo e di magnesio per cui è un pasto nutriente e bilanciato.

6. Riduce il Colesterolo

Se il tuo colesterolo sta raggiungendo vette preoccupanti, segui i consigli del U.S. National Institute of Health, la cui ricerca evidenzia il legame tra il consumo di salmone (alcune volte a settimana) e l’abbassamento dei livelli di trigliceridi (e del colesterolo cattivo) nel sangue, con una riduzione complessiva del rischio di malattie cardiovascolari.

7. Versatile, Salutare e Gustoso

Per motivi puramente legati al gusto, il salmone selvaggio può essere inserito in una grande varietà di pasti e cucinato in molti modi. Ad esempio io metto il salmone selvaggio affumicato o il salmone fresco a striscioline nei panini, nelle insalate fresche, nella pasta e nei piatti saltati in padella,e lo uso per preparare degli hamburger di salmone – le possibilità che offre questa fonte salutare di grassi e proteine sono infinite e infinitamente gustose!

8. Riduce il Rischio di Cancro

Da molto tempo si sente affermare che gli acidi grassi omega3 riducono il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro (come quello alla prostata e al retto). Le fonti di cibo ricche di acidi grassi omega3, come il salmone selvaggio e altri pesci, riducono quindi il rischio di cancro secondo una ricerca eseguita dalla Stanford Medicine.

X