Nutrizione IT

10 Cibi da Non Mangiare Mai Dopo la Scadenza

Rischieresti di mangiare un uovo preso da una confezione la cui scadenza è passata da qualche giorno? E il petto di pollo crudo, o la carne macinata?

Anche se pensi di potertela cavare senza problemi se mangi qualche cibo confezionato che ha passato la scadenza, non significa che sia il caso di prenderti delle libertà del genere con la carne cruda o con frutta e verdure fresche – molti di questi prodotti ti mettono a rischio di infezioni batteriche e intossicazione alimentare poco dopo la data di scadenza.

Ecco dieci tra i cibi più rischiosi da consumare dopo la data di scadenza…

1. Uova Crude

Non dovrebbe sorprenderti il fatto che gran parte delle malattie dovute al cibo siano causate dal consumo di uova. Ecco perché mangiare un uovo, anche pochi giorni dopo la data di scadenza, può essere rischioso, soprattutto se lo mangi crudo.

2. Piatti a Base di Carne

Sentiamo sempre parlare delle contaminazioni da E. Coli e da Listeria nei piatti a base di carne. Questi batteri sono presenti prevalentemente nelle carni confezionate e anche negli affettati. Come regola generale, la carne è sempre da consumare entro una settimana dall’acquisto.

3. Insalate Miste

Le insalate miste (spinaci baby, rucola, e altre verdure a foglia) non si conservano bene dopo la data di scadenza. Quindi se l’aspetto unticcio e appassito non è sufficiente a farti desistere, pensa agli agenti batterici e patogeni che crescono sul sandwich se ci metti dell’insalata che può essere stata in contatto con acqua o suolo contaminati durante il processo di coltivazione o di lavorazione.

4. Erba Medica

Io adoro l’erba medica, ma se la compro so che è fondamentale consumarla velocemente se non voglio rischiare di ammalarmi. Ancora più delle insalate, l’erba medica può rovinarsi e riempirsi rapidamente di microbi e batteri – soprattutto se la lasci per errore fuori dal frigo per tutta la notte.

5. Ostriche

Molte persone non mangerebbero le ostriche crude. Ma quando sono addirittura andate a male non solo sono viscide e hanno un odore particolarmente cattivo – possono causare infezioni del sangue letali se consumate dopo la scadenza, come l’infezione da V. Vulnificus.

6. Gamberi

Come le ostriche, i crostacei crudi o anche surgelati di ogni tipo sono soggetti alla contaminazione batterica dal momento in cui vengono pescati. Quindi, fai particolarmente attenzione con i gamberi freschi o surgelati per quanto riguarda lo stoccaggio e la preparazione e consumali sempre prima della data di scadenza.

7. Carne Macinata Cruda

Sai da dove viene l’E.Coli? Nel caso delle proteine animali, ad esempio la carne macinata, il batterio si trova negli intestini del bestiame e può far stare davvero male i consumatori umani se la carne non viene lavorata o preparata in modo appropriato. Assicurati sempre di consumare la carne macinata prima della data di scadenza e cuocila completamente per evitare intossicazioni alimentari.

8. Frutti di Bosco

Non è difficile distinguere i frutti di bosco andati a male da more, lamponi, mirtilli e fragole fresche. I frutti di bosco andati a male perdono la loro forma e si decompongono rapidamente, assumendo un aspetto viscido e acquoso che è soggetto a contaminazioni di Cyclospora, una sostanza tossica di origine fecale.

9. Formaggio Spalmabile

I formaggi stagionati o duri, come il cheddar, sono in genere sicuri, e basta tagliare via la fetta con la muffa per poterne mangiare un pezzo senza problemi. I formaggi più freschi e morbidi, però, come il brie, non sono così sicuri e non sfuggono al rischio di contaminazione da parte di Listeria Monocitogenes.

10. Pollo

Abbiamo sentito tutti qualche storia dell’orrore che iniziava col consumo di pollo andato a male o crudo. Mangiare il pollo prima della scadenza è particolarmente importante e, se congeli del petto di pollo per conservarlo più a lungo, assicurati di cuocerlo per bene e di mangiarlo il prima possibile per evitare una brutta intossicazione alimentare da E.Coli.

Share This Article

X